Nuovo centro civico Monteggio

Monteggio 2014

Il luogo è quello che circonda i nuclei dei paesi del Malcantone, chiamato una volta la “campagna” ora luogo dell’espansione demografica degli anni duemila. Monteggio si caratterizza per la notevole presenza
di frazioni disseminate sul suo territorio. Ora il comune ha deciso di riunire nella zona della frazione Ramello i servizi comunali in modo da rispondere con strutture più appropriate alle necessità dei cittadini. Nello stesso momento e fatto importante, si coglie l’occasione per dotare il nuovo centro di uno spazio polivalente che possa fungere da sala del consiglio comunale e sala multiuso aperta al pubblico e al privato.

Il nuovo centro deve quindi acquisire l’immagine forte di punto di riferimento civico per tutto il comprensorio comunale.

Il progetto proposto vuol assumere questo assioma creando un centro articolato sul concetto delle corti, elementi architettonici tradizionali dei nostri luoghi, la corte “dell’incontro” e la corte “del lavoro”. La prima è il luogo dell’incontro tra la popolazione e l’amministrazione comunale con le sue autorità, degli avvenimenti culturali e degli incontri tra la gente con tutte le manifestazioni che la creatività degli abitanti può manifestare. La seconda corte è il luogo del lavoro con la presenza dei servizi che il municipio mette a disposizione per il buon funzionamento della vita e della sicurezza del comune.

Componente importante nel programma di progetto è anche il centro della protezione civile che viene proposto al di sotto del nuovo parcheggio , parcheggio trattato quale “orto concluso” definito perimetralmente da un muro e su due lati da alte spalliere coperte di rampicanti, diventando elemento preciso che si affianca ai volumi del nuovo centro comunale, con una sua chiara valenza urbanistica. Lo spazio del parcheggio liberato dalle auto può diventare spazio complementare per manifestazioni pubbliche o private.

La sala polivalente oltre a servire quale sala del consiglio comunale e delle varie altre attività è caratterizzata dal foyer d’entrata in stretto rapporto con il portico coperto e dalla presenza nel piano mezzanino di una tribuna aperta al pubblico durante le sedute del consiglio comunale o per manifestazioni culturali. Inoltre può essere utilizzata con il foyer quale spazio per piccole esposizioni informative.

Un importante elemento di riferimento che si lega alla storia del luogo è l’Oratorio di Ramello, monumento iscritto nell’elenco dei beni culturali, un tempo situato in aperta campagna ora integrato in una zona di sviluppo urbano. Il progetto propone di creare idealmente un percorso di appartenenza storica tra l’antica preesistenza e il nuovo centro civico tramite una diversa pavimentazione stradale che collega il sagrato dell’Oratorio con la piazza del Municipio.

Lungo il percorso pedonale che conduce alla piazza del Municipio si prosegue verso il parco giochi distribuito quale itinerario sotto gli alberi, fino al vicino giardino del mulino, misterioso come il luogo di una fiaba.

F. Poretti

Click to view Click to view Click to view